HomeLibri MediaExtra  Booktrailers

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                               

Essendo di animo romantico, ritengo che il mio futuro di scrittrice sia stato influenzato dall’atmosfera magica che sprigiona dall'antica fortezza che sorge al centro della mia città natale, sulla sommità di un colle. Ma anche i poemi cavallereschi, come Yvain, il cavaliere del leone, e Orlando furioso, hanno dato il loro contributo.

Quando, ancora ragazzina, percorrevo le gallerie del castello, o sostavo vicino a un vecchio pozzo, mi pareva quasi di vedere cavalieri con lucenti armature e dame vestite di seta che si facevano loro incontro. Così inventavo storie ricche di amori, duelli e rapimenti, senza, tuttavia, mettere mai nulla su carta. Erano storie tutte mie, che non credevo potessero interessare a qualcuno, e ho iniziato a scrivere soltanto intorno ai trent’anni, quasi gioco, senza immaginare che, un giorno, avrei fatto delle mie fantasie una professione.  

Ho pubblicato parecchi romanzi storici e contemporanei con importanti case editrici e per moltissimi anni ho collaborato con riviste femminili a diffusione nazionale, scrivendo più di quattrocento fra romanzi brevi e racconti.

Non amo più viaggiare, ciò nonostante non sto sempre seduta dietro una scrivania: mi piace fare shopping, andare al cinema e ai concerti di De Gregori, quando è possibile. Adoro le letture di fantascienza, in particolare se trattano viaggi nel tempo, e i libri gialli, anche se non indovino mai il nome dell’assassino. Ai miei occhi, tuttavia, nulla possiede lo stesso fascino del romance storico, che continuo a scrivere con gioia. 
 

Foto di Manuela Bolgiani